Pitorri Responsabilità Medica

L’argomento della malasanità è sempre sugli scudi ma quanto ne sappiamo realmente di Responsabilità Medica? Ne parliamo in questo articolo con l’Avvocato Iacopo Maria Pitorri che si è nuovamente prestato per una bella intervista di approfondimento. Leggi ora l’intervista Pitorri Responsabilità Medica

Prima di iniziare questa piccola intervista cerchiamo di chiarire il concetto di Responsabilità Medica. Cosa si intende? Possiamo così riassumere la risposta: si ha responsabilità medica quando sussiste la responsabilità professionale di chi lavora in ambito sanitario nei riguardi di pazienti a cui sono stati arrecati danni derivanti da errori, omissioni o violazione degli obblighi della professione. Partiamo proprio da qui. 

Domanda: Pittori Responsabilità Medica quando… ? 

Risposta: Quando è possibile dimostrare il nesso causale tra una lesione alla salute di un paziente e la condotta del professionista sanitario questo sia in presenza che in assenza di carenze eventuali della struttura sanitaria. 

Domanda: Per quali casistiche può essere “accusato” il personale sanitario? 

Risposta: E’ molto difficile rispondere a questa domanda, le casistiche sono le più svariate. Andiamo dalle accuse di errori diagnostici a quelli terapeutici, dall’omessa vigilanza a inadempienze varie che determinano, sempre secondo gli impianti accusatori, la responsabilità penale o civile a seguito dell’aggravamento o morte del paziente. 


Avv. Pitorri libro su lulu

Domanda: Quanto è stato importante l’introduzione del consenso informato del 2012? 

Risposta: Credo Lei si riferisca al D.L.n. 158/2012 convertito poi con modificazioni nella L. n. 189/2012 e corroborato dalla più recente L. n. 24/2017, la cosiddetta Gelli-Bianco. Beh, già con l’art. 5 della Convenzione di Oviedo del 1997 il Consenso Informato aveva il suo bel peso, essa infatti sosteneva che: 

un intervento nel campo della salute non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato consenso libero e informato. Questa persona riceve innanzitutto una informazione adeguata sullo scopo e sulla natura dell’intervento e sulle sue conseguenze e i suoi rischi. La persona interessata può, in qualsiasi momento, liberamente ritirare il proprio consenso. Rispondendo alla sua domanda, è stato molto importante. 

Credits: Pitorri Responsabilità Medica

Grazie mille Avvocato Pitorri!

Se ti è piaciuto l’articolo Pitorri Responsabilità Medica guarda il video qui sotto